La Certosa di San Giacomo

Mappa

Dal 1371 ad oggi: convento, prigione e liceo di Capri.

La Certosa di San Giacomo

La Certosa di San Giacomo - Informazioni pratiche

  • Come arrivare: dalla Piazzetta scendete per Via Vittorio Emanuele II, via Serena e svoltate a sinistra per Via Matteotti.
  • Orario di visita: Maggio 10:00/18:00 - Giugno, Luglio e Agosto 10:00/19:00 - Settembre e Ottobre 10:00/17:00 - Novembre e Dicembre 9:00/14:00
  • Giorno di chiusura: lunedì

Ingresso: Euro 4,00. Ingresso Certosa di San Giacomo + Giardini di Augusto: Euro 3,00
Gratuito per i cittadini UE sotto i 18 anni.
2,00 Euro: per i cittadini UE di età compresa tra 18 e 25 anni.
Gratuito: la prima domenica di ogni mese.
Spesso ci sono esposizioni temporanee gratuite o per le quali è richiesto un biglietto d'ingresso a parte.

La Certosa di San Giacomo è uno degli edifici più antichi di Capri. Venne costruita nel 1371 per volere del conte Giacomo Arcucci, Gran Camerario della Regina Giovanna I d'Angiò e inizialmente era un convento.

Visitare la Certosa è un'ottima idea per una pausa all'ombra mentre passeggiate tra le assolate strade del centro di Capri.

L'antica struttura del convento è ancora oggi visibile nei tre blocchi che compongono l'edificio: uno indipendente e aperto a tutti dove si trovavano la farmacia e la chiesa per le donne; uno destinato ai frati conversi con i granai, le scuderie e i laboratori; l'ultimo blocco per la vita di clausura con le celle intorno al Chiostro Grande e gli altri ambienti della vita monastica intorno al Chiostro Piccolo.

Subì diversi danni a causa delle incursioni dei pirati che si susseguirono nel Cinquecento. I lavori di restauro durarono fino al 1636 e con il dominio francese le antiche mura della Certosa furono utilizzate come caserma, ospedale e, fino al 1898, colonia penale per anarchici e militari.
Nel 1927 fu messo in atto un ampio progetto di restauro ad opera del Soprintendente Gino Chierici che cercò di riportare al loro antico splendore le strutture dell'antico convento trecentesco.

Nelle sale che un tempo ospitavano il refettorio sono esposte le opere di Karl Wilhelm Diefenbach esponente della pittura simbolistica europea di fine Ottocento che soggiornò a Capri fino al 1913, data della sua morte.
Nelle sale del Priore sono spesso ospitate mostre di fotografia e arte contemporanea, mentre gli spazi esterni nelle sere d'estate si animano con grandi eventi, concerti e spettacoli.

Il giardino della Certosa

Una volta visitata la Certosa non dimenticare di allungarti fino ai giardini.
Nascosti tra le piante e gli alberi troverai diversi belvedere per ammirare i Faraglioni, il mare e lo splendido panorama di Capri.